MAPPA METEO RECAPITI UTILI MERCATINO FOTO CODICE FISCALE PAGINE RADIO GALATRO IERI E OGGI FIRME
Archivi Generali  
< mag-giu 17 Cronache 2017 set-ott 17 >
Luglio-Agosto

1.7.17 - Le Terme riaprono con la nuova gestione comunale

4.7.17 - Inaugurata la stagione termale

9.7.17 - Manifesto del PD sulle terme

10.7.17 - Consacrato dal Vescovo il nuovo altare della Chiesa del Carmine

17.7.17 - I diplomi di licenza media

21.7.17 - La minoranza fa le pulci al Sindaco sulle Terme





(1.7.17) LE TERME RIAPRONO CON LA NUOVA GESTIONE COMUNALE - Il giorno della riapertura delle Terme con la nuova gestione comunale è fissato per Lunedì 3 Luglio. I lavoratori LSU-LPU, sotto la guida del direttore dell’Ufficio tecnico comunale, architetto Politanò, hanno compiuto il miracolo di ripristinare, in circa due settimane, l’agibilità della struttura che ospiterà, nel pomeriggio di Domenica 2 Luglio, ore 18.30, un rinfresco a bordo piscina al quale l’Amministrazione comunale ha invitato tutti i cittadini (vedi manifesto in basso).

Intanto, però, la minoranza consiliare chiede al Sindaco, in un’interrogazione a risposta scritta, «se il personale ex LSU-LPU sia sufficiente a garantire il normale avvio della stagione termale e in caso contrario se si è provveduto a preparare un bando pubblico per reperire il personale necessario, onde garantire a tutti i cittadini interessati di poter lavorare presso le Terme di Galatro.»

In effetti, si tratta di un busillis non dappoco, senza tralasciare le problematiche che nascono dalla selezione e dalla retribuzione del personale sanitario, le cui unità sono state individuate attraverso appositi bandi. Per la cronaca le figure attualmente individuate sono: Dott.ssa Stefania Saffioti (direttore sanitario), Dott.ssa Donatella Ferraro (medico chirurgo), Dott. Rocco Catalano (otorinolaringoiatra).

La scommessa della gestione diretta comunale sarà, pensiamo, difficile da vincere. Ma non è il caso di disperarne. Vedremo i risultati alla fine della stagione, a dicembre prossimo.

Visualizza
l'interrogazione del gruppo di minoranza (PDF) 25,7 KB


Nella foto: la sede del rinfresco, ovvero la piscina alle Terme di Galatro.

Torna ai titoli


(4.7.17) INAUGURATA LA STAGIONE TERMALE - Il ritorno delle Terme al Comune è stato festeggiato con una cerimonia alla quale, oltre a un numeroso pubblico di cittadini galatresi, hanno preso parte diversi sindaci del comprensorio, rappresentanti delle istituzioni ai vari livelli e politici di ogni appartenenza.

A impartire la benedizione don Gildo Albanese, dal 1972 al 1983 titolare dell’allora parrocchia di Maria Santissima della Montagna, che ha rievocato, in una toccante allocuzione, le vicende attraverso le quali il sindaco dell’epoca, Bruno Marazzita, ha dapprima acquisito il vecchio stabilimento termale alla proprietà comunale per ripristinarne successivamente la funzionalità e riaprirlo al pubblico nel luglio del 1981 con un’inaugurazione di cui lo stesso don Gildo è stato, nella veste di parroco, tra i protagonisti.

L’ex parroco della chiesa della Montagna ha esortato a ricuperare lo spirito degli anni Settanta, quando i galatresi di ogni colore politico credevano nello sviluppo che al Paese sarebbe derivato dalle Terme e dalla Diga, benché sulle prime puntassero soprattutto i democristiani e sulla seconda le sinistre. Alcune vicende quali l’alluvione del ’73, a seguito della quale si disperava di poter recuperare le sorgenti dell’acqua termale, dimostrano come dietro quelle che appaiono sventure c’è in realtà l’azione della Provvidenza, di cui è un segno il fatto che lo stesso don Gildo si ritrovi a partecipare a un evento analogo a quello del lontano luglio 1981.

A seguire l’intervento del sindaco Carmelo Panetta, che ha attribuito al fatto che in giunta ci sia un avvocato, Pasquale Simari, il successo dell’Amministrazione nell’impresa di riportare le Terme al Comune, avvalendosi anche dell’aiuto di esponenti politici regionali quali il vicepresidente del Consiglio Regionale Arturo Bova, presente alla manifestazione. Certo, ha continuato e concluso Panetta, le difficoltà non sono finite ma, pur non potendo promettere nulla a nessuno in termini di ricadute occupazionali immediate, contiamo di rilanciare, con le Terme, Galatro e l’intero comprensorio. Il progetto è infatti di coinvolgere le istituzioni, compresi i Comuni, nella costituenda fondazione per poter raggiungere gli obiettivi che l’Amministrazione si prefigge, tra cui rientra l’impegno sul fronte della ricerca.

Pasquale Simari, prendendo la parola in veste di assessore alle Terme, ha rievocato le tappe salienti della battaglia legale, chiarendo che le Terme serviranno da ora in poi per lo sviluppo di Galatro e non più da bancomat di un privato imprenditore.

Il vicesindaco Pino Sorbara, dicendosi emozionato per la conclusione positiva della vicenda, ha messo l’accento sulla positività del ritorno delle Terme ai legittimi proprietari di esse, quali si sentono i cittadini di Galatro.

Nel suo intervento il vicepresidente del Consiglio Regionale, Arturo Bova, ha elogiato l’Amministrazione, in particolare l’Assessore alle Terme per la competenza dimostrata nei vari passaggi della battaglia giudiziaria – "è importante che nelle amministrazioni ci siano avvocati", ha precisato - profondendosi poi in un elogio di Galatro e dei suoi amministratori – maggioranza ed opposizione - e della scenografia naturale che offre il paese ai visitatori, dicendo ciò, ha puntualizzato, senza nessuna intenzione di piaggeria elettorale, candidandosi lui in un’altra circoscrizione.

L’evento si è concluso con un rinfresco per tutti gli intervenuti a cui hanno tenuto dietro i fuochi d’artificio. Dal 3 luglio, inizia per le Terme di Galatro una nuova epoca, densa di incognite e di prospettive che potrebbero diventare interessanti. Il merito di aver riportato le Terme nella disponibilità del Comune spetta, non ci sono dubbi al riguardo, all’Amministrazione Panetta. Che dovrà ora impegnarsi per l’effettivo rilancio e per il tanto atteso decollo.


Nelle foto: due momenti della manifestazione alle terme.


Torna ai titoli


(9.7.17) MANIFESTO DEL PD SULLE TERME - Il segretario del Partito Democratico, sezione di Galatro, Gaspare Sapioli ci trasmette un manifesto che appare oggi, 9 luglio, sui muri del paese e che riguarda la nuova situazione delle terme dopo il loro ritorno alla gestione comunale. Il discorso è incentrato sulle prospettive lavorative anche in relazione agli annunciati lavori di completamento della Diga sul Metramo. Riportiamo in basso il testo del manifesto.




Visualizza versione PDF 249 KB

Torna ai titoli


(10.7.17) CONSACRATO DAL VESCOVO IL NUOVO ALTARE DELLA CHIESA DEL CARMINE - Lo scorso Sabato 8 Luglio, il Vescovo di Oppido-Palmi, S. E. Mons. Francesco Milito, in una suggestiva cerimonia svoltasi alla presenza di numerosi fedeli ed officiata da altri due sacerdoti, tra cui naturalmente il Parroco di Galatro Don Giuseppe Calimera, ha consacrato il nuovo altare della Chiesa di Maria Santissima del Carmelo, la quale, proprio di recente, è stata anche totalmente ed artisticamente ridipinta grazie all'accurata e sapiente opera della ditta Carmelo Zito.

La cerimonia, tenendo fede alle caratteristiche tipiche dei riti che da sempre si svolgono nella chiesa della Madonna del Carmine a Galatro, si è dipanata in un'atmosfera di grande compostezza e di dignitoso silenzio, molto lontana dai fanatismi cui a volte sembrano soggiacere altri generi di esternazioni religiose.

Oltre che dell'altare in marmo, consacrato nell'occasione, l'antico luogo di culto, molto amato dai fedeli galatresi, è stato dotato anche di un caratteristico leggìo in pietra marmorea che si appaia perfettamente al nuovo altare. Si può dire che il parroco Don Giuseppe Calimera stia conducendo una meritoria opera di restauro artistico di tutte le chiese di Galatro le quali possono ormai essere considerate dei veri e propri gingilli, sia al loro interno che all'esterno.

L'azione di Don Giuseppe dà l'impressione di essere anche tesa a dare spazio in campo religioso a nuove figure la cui cifra essenziale sembra essere la sostanza piuttosto che la vuota apparenza, elemento quest'ultimo cui possono forse in generale essere ascritte una certa parte delle difficoltà patite dal nostro paese nel corso degli anni.














Nelle foto: momenti della consacrazione dell'altare e il nuovo aspetto della Chiesa del Carmine.


Torna ai titoli


(17.7.17) I DIPLOMI DI LICENZA MEDIA - Anche per l'anno scolastico 2016-17 si sono di recente conclusi gli esami di licenza presso la Scuola Media "Rocco Distilo" di Galatro che hanno fatto registrare un solo diploma con la votazione di 10 e lode, conseguito dall'alunno Felice Lucia. Pubblichiamo in basso i risultati di tutti i tredici candidati impegnati nelle prove d'esame.

Burzese Dafne8
Circosta Anastasia9
Cirillo Annunziata Pia9
Giuliani Gianluca7
Longo Marco8
Lucia Felice10 e lode
Panuccio Mattia7
Sigillò Catia7
Sorrenti Daniel8
Sorrenti Melania7
Tassone Gesuela6
Zappalà Marta9
Zito Iride8

A tutti i neo diplomati vanno gli auguri da parte della nostra Redazione.


Torna ai titoli


(21.7.17) LA MINORANZA FA LE PULCI AL SINDACO SULLE TERME - Che la gestione diretta comunale delle nuove Terme non sarebbe stata una strada in discesa era una previsione che poteva essere fatta senza disporre di eccezionali doti di divinazione. Maggioranza e minoranza consiliari avrebbero dovuto esserne consapevoli nel momento in cui hanno votato all’unanimità per la gestione diretta comunale. Così come avrebbero dovuto avere chiare le implicazioni politiche di quella scelta.

Che sarebbero state: da parte della maggioranza una responsabile condivisione (con la minoranza) dei passaggi più accidentati, cioè meno lineari e scontati sotto il profilo della legittimità; da parte della minoranza un altrettanto responsabile basso profilo in ordine a possibili sottolineature, magari formalmente ineccepibili ma incompatibili con quella che Max Weber chiamava, appunto e non a caso, “etica della responsabilità”, che rappresenta il contraltare di quella che sempre lui, il grande sociologo e filosofo tedesco, definiva “etica della convinzione”.

La prima ha in vista il bene, la seconda il meglio, che secondo un vecchio detto è spesso nemico del bene. Orbene, se non si ha chiara questa distinzione c’è il rischio, molto concreto, di andare tutti assieme a sbattere: maggioranza, minoranza, le Terme e tutta Galatro.

* * *

Visualizza l'
interrogazione al Sindaco presentata dalla minoranza consiliare (PDF) 54,2 KB

Nella foto: interno di una camera alle Terme di Galatro.

Torna ai titoli

INDIETRO

Copyright @ Associazione Culturale del Metramo 1999 -