MAPPA METEO RECAPITI UTILI MERCATINO FOTO CODICE FISCALE PAGINE RADIO GALATRO IERI E OGGI FIRME
I lavori al fiume Metramo
non sono ancora completati

Maria Francesca Cordiani
Qualche tempo fa, nella qualità di cittadina galatrese, inoltravo formale istanza di accesso civico generalizzato a mezzo lettera raccomandata al Commissario Straordinario Delegato per la realizzazione degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico per la Regione Calabria, al RUP - Responsabile Unico del Procedimento -, ( il quale dichiarava in un secondo tempo di aver per errore inteso la richiesta quale domanda di accesso documentale), nonché, successivamente, al Responsabile della corruzione e della trasparenza della Città Metropolitana di Reggio Calabria, al fine di ottenere il rilascio di copia del progetto esecutivo relativo all’intervento denominato “Completamento degli interventi di messa in sicurezza dei fiumi Metramo e Fermano”.

La richiesta è sorta dalla constatazione delle condizioni in cui a tutt’oggi versa il Metramo.

Difatti,i lavori per la messa in sicurezza del fiume sono ormai da tempo terminati, ma esso è ancora invaso da vegetazione di varia specie ed i suoi argini non sono stati rafforzati, ma solo in parte sopraelevati.

Le opere previste per tale corso d’acqua nel progetto esecutivo relativo all’intervento denominato “Completamento degli interventi di messa in sicurezza dei fiumi Metramo e Fermano”, difatti, non sembrano essere state totalmente completate.

Tale atto, infatti, prevedeva, tra l’altro, oltre alla pulizia di parte dell’alveo, interventi di sopralzo arginale per un’estensione pari a circa 900 m, sia nella sinistra, che nella destra idrografica in corrispondenza del centro abitato galatrese.

Numerosi dubbi, però, sorgono in merito alla completa realizzazione di quanto originariamente previsto.

In ogni caso, sono da considerarsi stabili i muri di contenimento innalzati sui vetusti argini?

Sicuramente la denominazione dell’intervento lasciava presumere e sperare in un’effettiva ultimazione dei lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria necessari per mettere in sicurezza il fiume.

In vero la necessità di tali interventi emerge a chiare lettere nel sopradescritto atto, in cui viene tra l’altro messa in evidenza la presenza di “sponde soggette a fenomeni di sedimentazione e di franamento delle scarpate fluviali congiunti a scarsa manutenzione con presenza di aree vegetate, che producono situazioni di sovralluvionamento ed in alcuni casi anche di forte intasamento della sezione utile al deflusso idrico”.

“Tutto ciò" - si legge poi nel progetto - "contribuisce ad un aggravio progressivo delle condizioni di pericolosità idrogeologica, che si sommano alla già inefficiente officiosità idraulica del corso d’acqua”.

Ed ancora: “Il progetto individua le opere necessarie alla riduzione del rischio idraulico della fiumara Metramo in alcuni tratti maggiormente critici. Tali interventi si rendono necessari in quanto alcuni eventi eccezionali hanno progressivamente portato al degrado di alcuni elementi, quali porzioni di argini e briglie, normalmente deputati al contenimento della piena ed alla dissipazione dell’energia delle acque”.

“L'alveo del fiume, allo stato attuale, non ha una capacità di portata sufficiente per garantire un regolare deflusso delle portate di piena, anche in occasione di eventi riferiti a tempi di ritorno non elevato. Ciò comporta una condizione di rischio esistente che rende necessario un intervento di messa in sicurezza idraulica del bacino del fiume e dei suoi affluenti principali”.

Nonostante ciò la situazione è solo parzialmente mutata.

Il Metramo, quindi, visti anche i cambiamenti climatici, a cui da anni assistiamo, continua a costituire un potenziale pericolo, non solo per il centro galatrese, ma per molti borghi della Piana.

Al momento, nelle more del collaudo definitivo, occorrerà sollecitare la Città Metropolitana di Reggio Calabria, in qualità di ente committente ad effettuare al più presto le opportune verifiche.

* * *

Altri articoli sull'argomento:
2.12.2017 - Metramo: un fiume che affascina e preoccupa
13.11.2014 - Galatro esempio di mancata prevenzione del rischio idrogeologico
6.6.2013 - Situazione del Metramo: i cittadini scrivono al Ministero dell'Ambiente
19.4.2013 - La diga sul Metramo: una fonte potenziale di pericolo
13.11.2011 - E la storia si ripete…


INDIETRO









Google
internet
galatroterme.it
Copyright @ Associazione Culturale del Metramo 1999 -