MAPPA METEO RECAPITI UTILI MERCATINO FOTO CODICE FISCALE PAGINE RADIO GALATRO IERI E OGGI FIRME
Non sono parente con la stilista
della sfilata alle Terme

Pino Sorbara
5.1.18 - Nell’articolo intitolato Sfilata di moda fantasma alle Terme, pubblicato il 4 gennaio sul vostro giornale, viene ripresa la clamorosa panzana propinata su una pagina Facebook con il solito obiettivo di denigrare l’amministrazione comunale.

Questa volta ci si è inventata una mia parentela con la stilista che ha organizzato una sfilata di moda presso le Terme lo scorso 29 dicembre, adombrando così favoritismi nella concessione dei locali.

Addirittura, pare che sul post da cui è stata tratta la “notizia criminis” riportata nel vostro articolo, sia stato scritto che anche tutti i partecipanti alla sfilata sarebbero stati miei parenti.

Ora, io non intendo entrare in polemica con chi, dimostrando una vera e propria ossessione nei confronti dell’amministrazione comunale, non fa altro che combattere spettri inesistenti.

Mi limito semplicemente a replicare a chiunque ritenga non si debbano concedere gratuitamente i locali comunali per iniziative promozionali realizzate da artigiani ed imprese locali che noi la pensiamo diversamente e, invece, crediamo che il compito di un’amministrazione pubblica sia anche quello di sostenere le realtà produttive del territorio. Per questo, come del resto avviene da tempo immemorabile senza che ciò abbia mai destato scalpore, continueremo a concedere il patrocinio gratuito e l’uso dei locali comunali (compatibilmente con le necessità istituzionali) a tutti coloro che vorranno organizzare analoghe manifestazioni.

Semmai, il nostro rammarico è di non aver potuto ospitare l’evento nella più accogliente sala convegni dell’Hotel delle Terme, che solo recentemente abbiamo scoperto non essere utilizzabile perché, nella pratica relativa all’autorizzazione antincendi presentata anni fa ai Vigili del Fuoco, l’ex gestore ha dichiarato che il locale non è aperto al pubblico e, per tale motivo, non dispone dei sistemi di sicurezza previsti dalla legge. Magari su questo sarebbe interessante una vostra inchiesta giornalistica, visto che solo poco tempo fa in quella stessa sala si è tenuto un convegno scientifico...

Detto questo, in tutta sincerità ciò che mi ha lasciato con l’amaro in bocca è che nessuno della vostra redazione, prima di pubblicare l’articolo, si sia preoccupato di chiedermi se la stilista in questione è davvero una mia parente di Rosarno. Gli avrei potuto rispondere che non solo non siamo parenti ma che non l’avevo mai vista prima di questa occasione, chiarendogli anche che l’evento non è stato organizzato sotto i miei “auspici” ma che vi ho partecipato solo perché invitato insieme al Sindaco, il quale mi ha poi delegato per il saluto istituzionale quando si è dovuto allontanare per concomitanti impegni.

Peraltro, tale imprecisione, mi ha causato molti problemi perché i miei veri parenti, dopo aver letto la notizia, si sono offesi per non essere stati invitati. E meno male che non l’ho fatto, altrimenti - limitandomi solo a quelli galatresi - il ristorante delle Terme non sarebbe bastato a contenerli tutti.

Grazie per l’ospitalità e buon anno e voi e ai vostri lettori.

Pino Sorbara

* * *

La notizia dell’evento non è una bufala ma, appunto, una notizia, quale che sia la fonte a cui l’abbiamo attinta. In secondo luogo: dov’è che abbiamo scritto che i locali delle terme non vanno concessi per eventi quali sfilate di moda et similia? Siamo d’accordo sull’opportunità di concedere i locali, anche se è auspicabile che la cosa venga regolamentata.

Quanto al resto della lettera del vicesindaco, la vicenda in sé, per riferire la quale abbiamo scelto un registro significativamente ironico, è poco più di una quisquilia e non avrebbe meritato una risposta così piccata. Quand’anche Pino Sorbara ne fosse stato, come abbiamo scritto, “auspice”, non sarebbe uno scandalo.

Proprio non capiamo, al riguardo, l’esigenza tanto avvertita di precisare e puntualizzare; così come riguardo ai parenti, che avrebbero tutto il diritto, se tra loro ci fosse una stilista, di utilizzare i locali delle terme.

Infine, non è il caso di fare inchieste su vicende sulle quali non c’è nulla da scoprire ed approfondire.

Ricambiamo cordialmente gli auguri di buon anno da parte nostra e a nome dei nostri lettori.

LA REDAZIONE


Nella foto in alto: il vicesindaco Pino Sorbara.


INDIETRO









Google
internet
galatroterme.it
Copyright @ Associazione Culturale del Metramo 1999 -