MAPPA METEO RECAPITI UTILI MERCATINO FOTO CODICE FISCALE PAGINE RADIO GALATRO IERI E OGGI FIRME
Archivi Generali  
< gen-giu 18 Cultura 2018
Luglio-Dicembre
gen-giu 19 >

6.7.18 - Un ricordo del Prof. Girolamo Cotroneo
Domenico Distilo

16.7.18 - È morto Pino Neri, intellettuale lucido e profondo, attento studioso di Pavese

Angelo Cannatà

25.7.18 - Antonio Ardizzone in: Concerto Sentetico Korybantesco per Anime Amorali


27.7.18 - Diana Manduci Photo presenta: Luci & Ombre di Antonio Nania


23.8.18 - Altre due poesie per mia moglie scomparsa

Filippo Cirillo

26.8.18 - Invito alla lettura: Anime Amorali di Antonio Ardizzone

Domenico Distilo

31.8.18 - Incontro a Candidoni con Rocco Giuseppe Tassone


25.9.18 - Le Confessioni di S. Agostino e il binomio successo/speranza

Anna Circosta

30.9.18 - L'estate teatrale galatrese


17.10.18 - XVIII Settimana della Lingua Italiana nel Mondo

Pina Lamanna

19.10.18 - Seminario tematico su Neurobiologia e meccanismi d'azione delle psicoterapie


31.10.18 - In memoria della povera Carmela

Filippo Cirillo

20.11.18 - Immagini della XVIII edizione della Settimana della Lingua Italiana nel Mondo

Pina Lamanna





(6.7.18) UN RICORDO DEL PROF. GIROLAMO COTRONEO (Domenico Distilo) - Nei giorni scorsi è morto il professor Girolamo Cotroneo, docente emerito di Storia della filosofia presso l’Università di Messina e il più eminente interprete della filosofia di Benedetto Croce a livello mondiale. Pubblichiamo il ricordo di un suo ex studente.

* * *

Correva il 1977, l’anno della mia maturità, che avrebbe dovuto dischiudermi le porte della facoltà di legge. Invece, partito deciso a diventare cultore di pandette, per strada cambiai una decisione scontata e presa da molto tempo, virando inopinatamente verso via dei Verdi, sede della segreteria della facoltà di lettere e filosofia. Per iscrivermi non in lettere ma in filosofia, materia che al liceo avevo studiato appassionatamente, lo dico con la consapevolezza di adesso, non perché mi piacesse per se stessa, ma solo perché la vedevo come il mezzo più idoneo per capire ciò che per noi ragazzi dei Settanta rappresentava il “termine fisso d’eterno consiglio”, la politica.

Così una mattina, mancavano pochi giorni all’inizio di novembre e delle lezioni, all’ingresso della facoltà mi capitò di prendere l’ascensore assieme a un signore alto ed imponente che portava una giacca di taglio sportivo e in mano una borsa, con una mazzetta di giornali e riviste nell’altra. Si accorse che avevo con me i due tomi di Congetture e confutazioni di K. Popper – acquistati poco prima nella libreria di Nunnari e Sfameni - e mi apostrofò perentorio:

«Lei sarà sicuramente una matricola, uno studente del mio corso di quest’anno, da dove viene?» Risposi timidamente di essere calabrese e al che lui rimbeccò: anch’io, di Campo Calabro! Rimasi inebetito. Gli dissi, cogliendolo decisamente di sorpresa, che Campo Calabro era il paese d’origine di mia madre. Si riebbe chiedendomi chi fosse mia madre, come si chiamasse, se abitassi a Campo e se a Campo avessi altri parenti, aggiungendo che casa sua si trovava alla fine del paese, sulla sinistra lungo la strada che portava al cimitero e al rione Musalà, all’altezza dell’ultima curva. Gli diedi tutte le informazioni che mi chiese, chiarendo che non abitavo a Campo ma a Galatro, nella piana di Gioia Tauro. «Sì lo conosco benissimo, ci tenne a farmi sapere, ho insegnato a San Giorgio Morgeto.» Nel frattempo giungemmo al piano di destinazione. Lui uscì per primo dall’ascensore e mi salutò dandomi appuntamento a lezione e invitandomi ad andare in istituto se avessi avuto bisogno di informazioni: il dottor Gembillo e la dottoressa Rizzo erano lì per questo.

Ci rivedemmo qualche giorno dopo alla prima lezione del corso su Popper, filosofo che allora non si studiava al liceo ma di cui avevo letto qualche settimana prima in un articolo del professor Luciano Pellicani su L’Europeo. Finita la lezione realizzai che già sapevo, su quel filosofo, tutto ciò che era il caso di sapere: era un filosofo della scienza e della politica, era un liberale, non era un neopositivista logico, non era un marxista, anzi, era un critico severo del marxismo, che non poteva dirsi una scienza perché aveva sempre una risposta a qualsiasi domanda gli venisse posta, sì che era inconfutabile, là dove le teorie scientifiche potevano dirsi tali se erano confutabili, se “non era vuota la classe dei falsificatori potenziali”.

Cotroneo aveva questa caratteristica: sapeva rendere facili, comprensibilissime ad uno sbarbatello appena uscito dal liceo, le questioni più complesse: lo storicismo, la dialettica, lo spirito che è “concetto, universale, concreto”, la scienza, la logica della ricerca. Con lui non c’era mai nulla che rimanesse ostico, incomprensibile, astruso e se qualcosa, qualche rara volta, non ti era stato chiaro, bastava che glielo dicessi e lui te lo chiariva dopo la lezione, quando dialogava con noi studenti approfondendo ed ampliando tutte le questioni, e citando tutte le tesi, anche quelle che definiva “peregrine”, un aggettivo che usava spesso e che, non so perché, mi piacque enormemente, al punto da usarlo anch’io più volte durante il primo esame che sostenni con lui, al termine del quale mi gratificò non solo con il voto.

Ho letto parecchi suoi libri ed articoli e posso affermare con certezza che nella mia formazione Girolamo Cotroneo ha inciso enormemente, anche nel lessico e nel modo di esporre, nei quali per me rappresenta un modello. Ovviamente inarrivabile, come ogni modello!

Domenico Distilo

Nella foto: il Prof. Girolamo Cotroneo.


Torna ai titoli


(16.7.18) E' MORTO PINO NERI, INTELLETTUALE LUCIDO E PROFONDO, ATTENTO STUDIOSO DI PAVESE (Angelo Cannatà) - Ho saputo con qualche giorno di ritardo della morte di Pino Neri. Mi ha telefonato Mimma, la moglie. “Non hai saputo niente?” E’ stato un colpo al cuore. Ma non è del privato che voglio parlare. Pino Neri era un intellettuale vero, acuto, profondo, e la cultura calabrese è in lutto per la sua morte: preside del Liceo classico di Nicotera, è stato (anche) docente di letteratura italiana all’Università di Messina; studioso, critico, pubblicista, ha scritto i primi racconti sulla celebre “Fiera letteraria”. Tra le sue opere: Pavese, 1977; Pavese in Calabria, 1989; “Solaria”. Una stagione del Novecento letterario italiano, 1994; Saverio Strati: dal realismo poetico al realismo politico, 1994; Itinerari di letteratura contemporanea, 2000.

Ma non è del suo acume critico che qui voglio parlare; Pino era un affabulatore e nei racconti, nei romanzi esprimeva la sua personalità più vera: è questa che amo ricordare. Ho recensito Le ragioni di un amore (2011) sul sito de il Fatto quotidiano: “è un romanzo epistolare (…) nelle lettere - di Libero, Vita, Emilio… - emergono angosce e dubbi esistenziali (l’amore, la fede, Dio…). Neri ha una capacità rara: dire in poche battute problemi enormi: “Il Dio che cercavamo… io lo trovavo in un luogo creato apposta; tu, tra la confusione di una storia che si svolgeva fuori, nel mondo” (p. 129). Non ha importanza, qui, la trama, il lettore la scoprirà leggendo. Individuo un modo di raccontare. Uno stile. Che, da narrativo si fa filosofico: “Non so se ricerchi Dio per amore o per disperazione”. I protagonisti maschili – Emilio (un sacerdote) e Libero – vengono descritti con grande capacità psicologica, qualche pagina sembra la trascrizione di confessioni fatte sul lettino di Freud: amano la stessa donna – Vita – e nello stesso tempo Dio: due amori difficili, complessi, a tratti impossibili.

Vita prende coscienza a un certo punto d’essere stata simbolo di qualcos’altro. Scrive a Emilio: “Cosa ho fatto per meritare una fine di solitudine, di silenzio? Ti ho dato me stessa, ma pago per averti strappato a Dio e restituito al mondo” (p. 197). E’ la chiave del romanzo. Si cercano le ragioni di un amore. Giusto. Ma è davvero Vita la protagonista? Dio è dappertutto nel testo, ma con accenti Kierkegaardiani, dubbi, angosce, conflitti interiori. C’è molto esistenzialismo nelle pagine di Neri, e si sente – dietro la struttura narrativa – che l’autore filtra il racconto attraverso la filosofia. A volte i riferimenti sono espliciti: “Solo il bisogno di Dio salverà quest’uomo, quando smetterà di sentirsi Prometeo o Nietzsche” (p. 77).

Il tema – in molte pagine – è anche la provvidenza divina: “Dio muoverà le nostre vite come crederà opportuno” (p. 207); ma ci si arriva per gradi, lentamente, attraverso 36 lettere e flashback e frammenti di dialogo e domande filtrate da una lettura critica di Marx. Il vescovo – al quale Emilio si è rivolto – prova a chiarire i dubbi che lo assillano: “Non si può considerare salvifico il marxismo… Che vuoi, don Emilio, che mercanteggiamo il pensiero di Cristo, lo verniciamo di discorsi estremisti e lo rendiamo sovversivo?” (p.94). Avrebbe risposto così Papa Bergoglio – il Papa rivoluzionario – alle angosce di un prete?

Testo complesso e accattivante, il romanzo di Giuseppe Neri. Si perde molto a leggerlo solo come la storia d’amore del sacerdote Emilio e dell’intellettuale Libero innamorati di Dio e di una donna. C’è di più. Anche se l’innamoramento di un prete per una donna è problema reale e umano, molto umano. Dietro la fabula pulsano idee, problemi, questioni esistenziali, filosofie. “Non sono né eretico né scismatico - dice Emilio a Libero - sono un uomo come te che avverte il bisogno d’amare, della vita reale, senza metafisica” (p. 136). Nel romanzo c’è qualcosa di tutti noi, quando – nei momenti più alti – cerchiamo il senso della vita. Senza dimenticare le sconfitte: “Vorrei mettermi a gridare, restituitemi la libertà, il mare, la mia casa… Ma capisco l’assurdità: ognuno di noi vive nella prigione che si è liberamente scelta” (p. 180). In breve: Neri racconta le angosce e l’umanesimo dei cattolici. Un romanzo bello e interessante. Ci aiuta a pensare.”

Infine, ricordo Pino Neri quando veniva a trovarmi a Galatro. I dialoghi sui libri, le battute, l’ironia, gli scambi culturali, il convegno su Saverio Strati... Era una frequentazione assidua prima che mi trasferissi a Roma. Amava il panorama che osservava, a lungo, dal mio studio. L’ha inserito in un racconto in cui parla molto di me (Una primavera molto fredda): “Dal balcone del suo studio, una camera imbiancata, una libreria ampia… è possibile allungare sguardi a un paesaggio gardesano. Alti, esili cipressi sull’increspatura del verde tenero che scende da un pianoro scomposto, e, lontano, un filo di mare coperto dalle languide foschie. Si mostra poi, a tratti, tra la luce e il buio un cielo bigio d’inverno. Non siamo però sul Garda. Anche qui è bello. In questo studio, coi libri di Sartre in mano.” Addio Pino Neri, addio amico carissimo.

* * *

Visualizza un profilo ed un brano di Giuseppe Neri in
Antologia della letteratura calabrese di Antonio Piromalli

Nella foto: Giuseppe (Pino) Neri.

Torna ai titoli


(25.7.18) ANTONIO ARDIZZONE IN: CONCERTO SENTETICO KORYBANTESCO PER ANIME AMORALI - Con un singolare ed eccentrico comunicato stampa Antonio Ardizzone invita il pubblico al suo «Concerto Sentetico Korybantesco per Anime Amorali, presentazione prima del parzialmente omonimo libro edito Libereria. Il pragma scritto verrà recitato, battuto e cantato coi musicanti Alessandro Dell’Ammassari, Alessandro Ocello e Alice Pantano. La scenografia si vestirà in corso d’opera e sarà attivata un’interazione finale con la coralità del pubblico.»

L'interessante ed intrigante evento ha luogo a Galatro, presso la Scuola Materna di Via Regina Margherita, Giovedì 26 Luglio alle ore 22:02.

In basso la locandina della serata e la copertina del libro con una presentazione:






Torna ai titoli


(27.7.18) DIANA MANDUCI PHOTO PRESENTA: LUCI & OMBRE DI ANTONIO NANIA - La mostra fotografica di Antonio Nania, presentata dallo Studio fotografico di Diana Manduci, si svolge a Polistena nei giorni di sabato 28 e domenica 29 luglio. Luci/ombre, bianco/nero si alternano e sovrappongono in una visione critica velata/palese della società moderna che prende forma nei temi filtrati dall'occhio della fotocamera.

In basso la locandina con tutti i dettagli dell'evento:



Torna ai titoli


(23.8.18) ALTRE DUE POESIE PER MIA MOGLIE SCOMPARSA (Filippo Cirillo) - Queste due poesie sono dedicate alla perdita della mia cara moglie Luppino Carmela:



La vita nasce come un fiore...

...cade la pioggia e la vita muore.
Carmela mi hai lasciato solo
in questa vita terrena
e tu te ne sei andata nella vita divina.
Aiutami tu Carmelina,
te ne sei andata senza fare rumore
e mi hai lasciato con un vuoto nel cuore.
Quando ti penso ho le lacrime agli occhi
e piango.
A volte mangio,
a volte mi guardo attorno nella casa,
non vedo nessuno,
vedo solo tristezza e dolore
e mi rimane un vuoto nel cuore.
Carmela ti chiedo:
fammi un sorriso.
Angeli del cielo mandate mia moglie in paradiso.
I tuoi cari nipotini ti pensano sempre
e ti hanno nei loro cuori,
il tuo amato Carmelo,
la tua nipote Sabrina,
il tuo amato Raffaele,
i tuoi figli Antonia e Raffaele,
il tuo amato genero Michele,
la nuora Maria.
Carmela, per noi eri come una stella,
abbiamo perso la cosa più bella.
Carmela, per noi eri come una rosa fiorita,
ti ho voluta bene per tutta la vita.
O luce divina, porta aldilà un saluto
alla mia bella Carmelina.
Ricordo quella brutta giornata del 30 gennaio 2016,
il cielo si fece scuro come il venerdì Santo,
la morte crudele si avvicinò al tuo corpo,
portandoti via.
Che brutto giorno,
tu chiudevi gli occhi,
noi piangevamo e tu sorridevi
mentre te ne andavi con gli angeli del cielo.
Angeli del cielo,
vogliate bene alla mia fatina,
il suo nome è Carmelina,
ella sia benedetta.
Quando mi alzo dal letto
non vedo nessuno,
solo tristezza e dolore,
mi hai lasciato un vuoto nel cuore.
Genti di questa terra,
vogliatevi bene, amatevi,
date da bere e da mangiare
a chi ne ha bisogno,
e Dio vi sarà vicino su questa terra.
Il danaro non è la felicità,
ma è solo tristezza.
Chi è ricco su questa terra
è povero nell’aldilà,
nel mondo divino.
Dio disse: “Amatevi”.
La vita è un dono divino”:
nel mondo chi nasce muore,
anche i grandi della terra,
perché la morte è un dono divino.
In questo mondo siamo tutti poveri.
Carmela, ti dedico questa bella poesia
e ti voglio bene con tutto il cuore.

Il tuo amato Filippo,
i tuoi nipoti, i tuoi figli,
il tuo amato Michele e Maria
La strada senza ritorno

La sera del 30 gennaio 2016
il sole si fece oscuro e la luna piangeva
perché moriva Luppino Carmela.
I giorni sono lunghi,
la notte è buia, Carmela,
scende la sera, viene la notte
e ho paura.
La vita è come un piccolo fiore,
quando cresce cade la foglia
e la vita muore.
Carmela, per me eri come una stella,
ho perduto la cosa più bella,
sono solo e triste,
ho perso il sorriso.
Angeli del cielo
mandate mia moglie in Paradiso.
Carmela, lo so che tu mi vuoi bene e mi guidi.
Ti ringrazio per la forza e il coraggio che mi hai dato,
dal cielo e dalla terra ho perduto la cosa più bella.
A volte sento bussare alla porta
e non vedo nessuno,
ma so che la tua anima mi sta accanto.
Ora sono triste e non vedo nessuno,
ma solo tristezza e dolore,
la tua scomparsa mi fa piangere il cuore.
Lo so che anche tu sei triste aldilà, nella vita divina.
Mi hai lasciato solo nel mondo terreno
come una pecorella smarrita,
ti ho voluta bene per tutta la vita.
Non ho più nessuno che mi dà un consiglio,
in questo mondo terreno c’è solo odio,
siamo nati per odiarci l’uno con l’altro.
Carmela, il tuo cuore era grande,
tu sei stata la mamma di tutti,
dando da mangiare e da bere.
Riconoscevi chi aveva bisogno,
ma quello che hai fatto su questa terra
non è riconosciuto dalla morte crudele.
Morte crudele, perché hai portato via
la mia Carmela?
Non hai avuto cuore
e mi hai lasciato un grande dolore.
Quel giorno nella mia vita
ho sentito come un suono di campane
e la tua vita allontanarsi.
A volte rido, a volte piango,
per me la vita è un rimpianto.
Brutta la vita da solo!
Mi hai lasciato come un uccello smarrito
ricordo i nostri giorni felici,
la tua vita era la campagna.
Te ne sei andata con grande dolore,
hai lasciato i nipotini del tuo cuore,
i tuoi figli, i tuoi amici del cuore
e il tuo amato Filippo.
Carmela, dammi un bacio dalla vita divina,
aiutami tu, Carmelina.
Il sole piange, la luna è scura,
chi perde la moglie non ha fortuna.
Nel tuo ricordo…

…il tuo amato Filippo
e che tu sia benedetta

* * *

Altre poesie sullo stesso tema:
28.5.2018 -
Ricordando mia moglie scomparsa
15.7.2017 - Versi in ricordo di mia moglie

Torna ai titoli


(26.8.18) INVITO ALLA LETTURA: ANIME AMORALI DI ANTONIO ARDIZZONE (Domenico Distilo) - Antonio Ardizzone (Anime amorali, edito da Libereria, pp. 60, € 10,00) è uno che sperimenta, che rifugge dai canoni, che sempre urla la scoperta di qualcosa che si può vedere solo se si è disposti a rompere gli schemi, a rigettare nel caos e nell’informe ciò che sembrava avere un ordine e una forma. Così mescola parole e temi, realtà e immaginazione, saggezza e follia, vittoria e sconfitta.

Il risultato è il totale disincanto quale suprema verità dell’essere che trafigge ogni illusione, nel segno di un pessimismo che traducendosi in formulazioni poetico-canore si sostanzia in fatto esistenziale, in stile di vita. Così che il lettore sembrerebbe costretto a intrattenere con lui un rapporto diretto, senza mediazioni, che non può non avere come esito la scelta tra adesione e respingimento. Se il problema fosse una scelta di tipo etico, o magari politico.

Invece la questione è diversa: poiché i destinatari sono anime amorali, cioè disinteressate all’etica e/o alla politica, quel che conta è unicamente la pura artisticità, che come si sa si colloca al di là del bene e del male, una dimensione nella quale la forma prende il sopravvento sulla materia e l’universo si risolve in un estetismo estremo che mette al riparo dalla presa di qualsiasi dover essere, da qualsiasi sollecitazione a puntare ad altro, a diventare altro.

Lo stesso lessico quasi sempre va per conto suo rispetto al contenuto, nel senso che non gli si adatta per renderlo nel migliore dei modi possibili, ma lo crea attraverso assonanze, commutazioni di codice, espressioni pittoriche che sublimano e sostituiscono la ricerca del significato. Che finisce per emergere da sé nell’empito della creazione.

Una vicenda, la produzione poetico-canora di Antonio Ardizzone, che merita di essere seguita nei suoi sviluppi e nelle sue evoluzioni (che si può star certi non mancheranno), soprattutto sul versante stilistico, che dà l’idea di librarsi al di sopra della realtà per poterla ricreare, di modo che non sia un impaccio e una limitazione del genio.



Torna ai titoli


(31.8.18) INCONTRO A CANDIDONI CON ROCCO GIUSEPPE TASSONE - Un significativo momento culturale è stato quello dello scorso 11 agosto presso la Biblioteca comunale di Candidoni, con la presentazione dei due volumi del noto storico ed etnografo prof. cav. Rocco Giuseppe Tassone.

Alla presenza del sindaco avv. Vincenzo Cavallaro, della responsabile della biblioteca dott.ssa Sabrina Gatto e del parroco don Carmelo Surace è stato presentato dal prof. Carmelo Cocolo il libro del Tassone su San Gaetano Thiene, opera ricca di notizie storiche e biografiche sul Santo nonché di una corposa iconografia.

L’avv. Domenico Coco ha parlato invece del dizionario, sempre realizzato dallo stesso autore, denominato “Il Tassone” Vocabolario del lessico di Candidoni.

Entrambi i volumi sono stati apprezzati dal pubblico in sala che è intervenuto con interesse nella discussione dei lavori ed ha anche invitato l’Autore a ritornare in un secondo momento per un approfondimento dei temi trattati. Ritorno auspicato anche dal parroco Don Carmelo.

Nella foto: il prof. Tassone in un momento della manifestazione.


Torna ai titoli


(25.9.18) LE CONFESSIONI DI S. AGOSTINO E IL BINOMIO SUCCESSO / SPERANZA (Anna Circosta) - Ho cercato pedissequamente di ricostruire il mio percorso da fedele cristiana, quel percorso che mi ha portato fino al sacramento della cresima, senza ottimi risultati.

Ad oggi il mondo ti porta ad avere prospettive più ampie che possono facilmente allontanarti dalla finestra che affaccia solo verso il mondo cristiano ed i suoi luoghi di culto. Non mi definisco atea ma so che servirebbe qualcosa di più per essere cristiana, la fede.

Mi sono inoltrata, da poco tempo, nella lettura dell’opera agostiniana, meravigliandomi dell’umanità e della verità che lo stesso esprime. Non posso parlare di sincerità, poiché sarei riduttiva, parlo proprio di verità, quella che Agostino ha ricercato supplicando Dio misericordioso.

Capita spesso, a noi mortali, di supplicare con veemenza gente di alto ceto sociale, amori indiscussi, amici, insomma gente che pensiamo possa colmare le esigenze del nostro Io e del nostro Sé. Lui, invece, supplicava e richiamava la Sua presenza, ogni singolo giorno, attraverso preghiere, ammissioni e invocazioni. Pregava per quel Tu che gli ha donato la vita ed ogni singola qualità, ha ammesso ogni singolo peccato per richiamare la sua attenzione, ogni singolo gioco attuato per successo, perché è quello che cerca l’homo per apparire all’interno di un contesto. Possiamo dunque definire il successo, la malattia dell’homo sapiens sapiens?

Agostino lo aveva già dedotto all’epoca, come d'altronde fece Olivier Reboul quando parlò del successo e insuccesso del pedagogista. Quando la voglia di successo scavalca la persona, che sia un tu, un io, un egli o un ella, diventa automaticamente un insuccesso perché ti priva dell’identità. Questa è forse una delle tante tenebre delle passioni di cui parla Agostino, qualcosa che oggi definiremmo una trappola mentale.

Eppure Giorgio Nardone afferma nel suo libro La paura delle decisioni, che siamo liberi di scegliere e di costruire le conseguenze delle nostre azioni. Ci troviamo così di fronte ad un bivio: scegliere il successo o la speranza del successo?

Possono sembrare strade analoghe. In realtà l’una porta a scegliere il successo convenzionato come unica via plausibile per la vita, come parametro di ogni gesto e azione; l’altra ci porta a sperare che questo succeda in via inedita, senza troppe meditazioni sugli standard sociali e senza troppe complicazioni, semplicemente attraverso la speranza che qualcosa accada, proprio come fece Sant’Agostino.

Nella foto: dipinto raffigurante Sant'Agostino.


Torna ai titoli


(30.9.18) L'ESTATE TEATRALE GALATRESE - Tra gli eventi dell’estate galatrese è ormai divenuta tradizionale la serie di appuntamenti teatrali, con diverse messe in scena da parte di compagnie allogene ma, soprattutto, con l’esibizione della Compagnia Teatrale Valle del Metramo, che ha scelto di cimentarsi ogni anno con testi in grado di far risaltare le peculiarità della storia e delle tradizioni locali, in primis il profilo linguistico-espressivo, articolando tematiche di attuale e sicura pregnanza.

La scelta è caduta quest’anno su U ciondolu miraculusu, commedia brillante in due atti di Roberto Mandica, il cui epicentro narrativo è la credulità popolare verso i sedicenti maghi, in realtà ciarlatani dalle spiccate attitudini persuasive, che dopo essere planati chissà da dove su un piccolo paese, su una cittadina, su un quartiere popolare di una grande città ed essere riusciti, con espedienti banali e nel contempo impensati, a spillare quattrini persino ai più scafati, scompaiono nel nulla o, nel migliore dei casi, finiscono in prigione dopo essersi lasciati dietro una lunga scia di tragedie (altro che commedie!) esistenziali.

L’essenza della commedia, in particolare della commedia brillante in vernacolo, consiste però nel trasformare il tragico in comico, riuscendo a trarre il riso là da dove, senza la sapienza degli adattamenti e la caratterizzazione di personaggi e situazioni, non potrebbero scaturire che sentimenti di segno opposto.

Il gruppo di attori, che lavora sotto la guida di Raffaele Ruggieri, dimostra di essersi saputo egregiamente amalgamare nell’arco degli anni, potendo contare su un nucleo “storico” di esperti – dallo stesso Raffaele Ruggieri a Michele Furfaro a Nicolina Romeo ad altri - che integra via via i nuovi senza stravolgere o alterare linguaggi e formule e preservando l’identità del gruppo.

Così non ha generato traumi il ritorno, dopo parecchi anni, di Marianna Furfaro , mentre non ha pagato dazio all’emozione la new entry Anna Maria Liotti Raschellà, una sorpresa per molti vista la sicurezza e la disinvoltura mostrate sulla scena.


Locandina della commedia "U ciondulu miraculusu"


Torna ai titoli


(17.10.18) XVIII SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA NEL MONDO (Pina Lamanna) - Cari amici di Galatro Terme News,

vi propongo in basso il programma della XVIII Settimana della Lingua Italiana nel Mondo 2018 che si svolgerà nella nostra Circoscrizione Consolare a Lomas de Zamora, in Argentina. Si tratta di un un bel programma: L'Italiano e la rete, le reti per l'Italiano, con la concessione dell´Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

Si consegneranno inoltre gli Attestati ai connazionali con piú di 50 anni nella nostra Circoscrizione Consolare.

E' previsto anche un Concorso per un audiovisivo organizzato dagli alunni della "Dante Alighieri" di Lomas de Zamora: L'Italiano, perchè no!

Il programma include anche l'intervento dell'Orchestra Municipale di Tango di Lomas de Zamora e del gruppo folcloristico italiano Chialchia.

Un abbraccio dall'Argentina.

Pina Lamanna






Torna ai titoli


(19.10.18) SEMINARIO TEMATICO SU NEUROBIOLOGIA E MECCANISMI D'AZIONE DELLE PSICOTERAPIE - E' previsto presso le Terme di Galatro nei giorni di sabato 20 e domenica 21 ottobre un seminario tematico sul tema "Neurobiologia e meccanismi d'azione delle psicoterapie". L'evento, organizzato dall'associazione Ados col patrocinio del Comune di Galatro, è rivolto a psicologi, medici e psicoterapeuti ed è condotto dal dott. Marco Pagani.

Riportiamo in basso la locandina con tutte le informazioni sulla manifestazione.



Torna ai titoli


(20.11.18) IN MEMORIA DELLA POVERA CARMELA (Filippo Cirillo) -






Si ringrazia Arianna Sigillò per l'impaginazione word.

* * *

Altro sullo stesso tema:
23.8.2018 -
Altre due poesie per mia moglie scomparsa
28.5.2018 - Ricordando mia moglie scomparsa
15.7.2017 - Versi in ricordo di mia moglie

Torna ai titoli


(20.11.18) IMMAGINI DELLA XVIII EDIZIONE DELLA SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA NEL MONDO (Pina Lamanna) - Cari Amici di Galatro vi propongo in basso le foto delle recenti feste che abbiamo avuto qui in Argentina.

La Settimana della Lingua Italiana nel Mondo ha avuto, come previsto, un grande successo. C'è stata, tra le tante cose, la consegna degli attestati agli italiani con più di 50 anni a Lomas di Zamora, ed un concorso per un audiovisivo organizzato dall'Associazione "Dante Alighieri" di Lomas di Zamora dal titolo "L'Italiano, perché no!"

Un omaggio speciale è stato fatto al signor Luciano Marson, combattente della Seconda Guerra Mondiale che, a soli 16 anni, è stato prigionero nel campo di concentramento di Dachau in Germania.

Si è svolto anche uno spettacolo musicale di Tango e c'è stata l'esibizione del gruppo folkoristico italiano "Chialchia".



























Ecco inoltre delle foto di "Buenos Aires celebra Italia". Come ogni anno in ottobre a Buenos Aires si festeggia l'Italia e la città si veste di festa.























Saluti dall'Argentina

Pina Lamanna


Torna ai titoli

INDIETRO

Copyright @ Associazione Culturale del Metramo 1999 -